Braveart Academy - Erica Pizza - Header

MAKING OF Caviar Cafè – MAV13 (2021)

24 Giugno 2022 | Lavori finali MAV, Making of

Caparbietà e dedizione sono 2 caratteristiche che hanno contraddistinto Erica Pizza, studentessa Braveart Academy durante il Master ArchViz 13.
Un percorso studi incentrato sul rendering fotorealistico che l’ha portata a realizzare delle immagini di assoluto rilievo durante il laboratorio conclusivo e che oggi, con grande piacere, ci vuole raccontare attraverso il suo Making Of.

REFERENCE E STILE

La richiesta iniziale degli istruttori del Master ArchViz è stata quella di ricercare delle reference da riprodurre. L’obiettivo era quello di ricreare in 3D uno scatto fotografico, partendo dalla modellazione fino ad arrivare alla post produzione conclusiva.

Inizialmente, avendo già utilizzato Autodesk 3DS Max, il mio primo pensiero è stato quello di cercare qualcosa alla mia portata, semplice, senza concentrarmi troppo sull’estetica né sul valore del progetto. Ma con quale scopo? Nessuno, se non di tornare a casa con le stesse conoscenze di quando sono partita. Ripensandoci, ho deciso di mettermi in gioco, cercando quindi tutto ciò che potesse mettermi in difficoltà. Ho pensato quindi di cercare un progetto che mi potesse appassionare fin da subito, che potessi renderlo mio e studiarne tutti i dettagli. Le prime informazioni le ho recuperate dalle foto, ne cercai un’infinità, pagine social e anche video, tutte informazioni utili a capire da dove partire. Riferimenti interni per studiare materiali e riflessi ed ambientazioni esterne per la gestione della luce naturale e tutta la vegetazione, elementi trascurati nei miei scorsi progetti.

Il passo successivo sarebbe stato capire come realizzarlo, e qui viene il bello!

Alcune foto del Caviar Cafè che mi hanno permesso, almeno idealmente, di accedere a questo locale unico nel suo genere.

MODELLAZIONE 3D

Partendo da un PDF ho ricavato una pianta in Autocad, per poi modellare l’intera scena con 3DS MAX. Ho iniziato prima dalle semplici estrusioni o forme tridimensionali ottenute tramite “standard primitives” per poi giungere alla modellazione di alcune di esse tramite facce e vertici.

La modellazione non è mai stata il mio forte, ma durante il corso mi erano stati forniti tutti gli elementi utili a poter modellare ogni singolo oggetto al meglio. Ho ottenuto tutti i solidi tramite il modificatore “edit poly” e gli strumenti di modellazione.

Alcuni shot di modellazione 3D relativi alla realizzazione innanzitutto del bancone del bar con relativi accessori e complementi d’arredo e poi sucessivamente il resto dell’architettura

Braveart Academy Modellazione-3D-01 Raffaella Novello

FOTOCAMERA E ILLUMINAZIONE

Durante lo sviluppo del progetto mi è stato subito chiaro quanto fosse indispensabile e complesso impostare correttamente camera e luci, al fine di non avere render piatti. Tutto sta nel creare luci che diano prospettiva alla scena, un giusto equilibrio di luci ed ombre. Soprattutto nella scena esterna dove è fondamentale l’equilibrio tra interno ed esterno. Nello specifico ho utilizzato una “dome light” per l’illuminazione generale, con un HDRI, varie “vray ies light” per i punti luce e “plane light” per riprodurre eventuali strip led.

Dopo aver impostato il tutto e definito inquadratura e formato del render è bastato impostare la focale, fare vari tentativi, fino ad ottenere una visuale più simile possibile alla reference.

4 immagini che rappresentano diverse condizioni di luce.

MATERIALI E TEXTURE

Personalmente ho trovato molto complesso l’approccio al sistema nodale di Vray (rispetto agli slot) ma al tempo stesso, davvero sorprendente in quanto mi ha permesso di poter sperimentare su molteplici caratteristiche di ogni singolo materiale o componente, in modo più immediato. La maggior parte dei materiali sono stati creati con texture scaricate da varie piattaforme online apposite, tramite bump, mappe normal e altri componenti. Importante è stato anche capire dove collocare le varie texture per non incorrere in errori durante l’esecuzione del render o l’utilizzo del programma, capire bene quindi come gestire i vari file di progetto. Ogni materiale inoltre è stato modificato in base alle necessità tramite “color correction” o aggiungendo altre texture. Per il pavimento ad esempio, dopo aver creato il materiale è stata aggiunto una mappa “tiles” per creare l’effetto delle fughe tra le mattonelle, scegliendo quindi spessore e bump. Per l’insegna invece è stato utilizzato un “2sidemtl” avendo due materiali diversi su un unico oggetto (viene illuminata solamente la mappa, quindi il logo). Dopo la creazione dei materiali viene utilizzata una “uvw map” per settare la scalatura di ogni singola texture.

RENDERING

Dopo un ultimo controllo alle impostazioni e la scelta dei render element (come diffuse, reflect, render id ecc) indispensabili per la post produzione, ho lanciato vari render di prova con risoluzione ridotta, bloccando in render setup le proporzioni, fino ad avviare poi il render definitivo.

POST PRODUZIONE

Per la post produzione è stato utilizzato Photoshop, unendo i vari “render element” impostati nella precedente fase, nel setup di render, modificati poi in base alle varie necessità grazie a maschere e regolazioni. In questa fase è stato fondamentale enfatizzare le varie luci soprattutto in corrispondenza della vegetazione. In questo momento inoltre, si lavora su quei piccoli dettagli che fanno diventare un render, realistico.

Gif-Post-produzione-Erica-Pizza

CONCLUSIONE

Questo master mi ha dato la possibilità di mettermi in gioco, grazie all’ambiente, quali un luogo davvero formativo e un’aula attrezzata aperta 24H, grazie ai tutor, sempre disponibili e davvero professionali. Il luogo giusto per dare una svolta in campo professionale a quella che ritengo la mia professione ma anche il mio approccio nei confronti del programma è cambiato, sono più aperta verso le sperimentazioni e più sicura di me nell’utilizzo.
Mi sento quindi di consigliare questa esperienza a chi parte da 0, ma anche a chi come me ha già una base ma vuole migliorare sempre di più.

Erica Pizza

Interior Design & 3D Artist